Via Cascione deve rimanere pedonale

Via Cascione deve rimanere pedonale

Circa due anni fa, marzo 2016, noi del Comitato m’Importa abbiamo espresso la nostra posizione a favore della pedonalizzazione di via Cascione e ci sembra quasi surreale dover, oggi, ribadire lo stesso concetto per un bene che ritenevamo ormai ragionevolmente guadagnato“. Lo dichiara in una nota ai giornali Deborah Bellotti, promotrice del comitato ‘M’Importa’, a proposito dell’ipotesi di riapertura al traffico di via Cascione.

Siamo abituati a lavorare duro e spesso controcorrente per promuovere un futuro più sano, rispettoso del nostro habitat, rispettoso della qualità di vita e di scelte sostenibili. – continua – Tuttavia, in questo caso, ciò che dobbiamo affermare, ancora una volta, con forza e chiarezza è un concetto ormai non più innovativo o controcorrente: chi ha letto gli innumerevoli studi sugli effetti positivi della pedonalizzazione, chi ha visitato altre città italiane ed europee, sa perfettamente che, dopo un primo momento di sconcerto, la pedonalizzazione di una zona non fa altro che apportare miglioramenti e vivacità e permette ai cittadini (tutti) di ricominciare a vivere uno spazio della città.

Per questo e mille altri motivi via Cascione deve rimanere pedonale. Per l’aria che si respira, per la qualità di vita, per il commercio ed il turismo.

Noi crediamo che via Cascione debba far parte di un circuito pedonale ben più ampio, che riqualifichi la zona attraverso una migliore vivibilità, una mobilità più sostenibile, che offra percorsi turistici attraverso le nostre bellezze architettoniche, paesaggistiche e la nostra storia, che veda il fiorire di attività commerciali e di eventi culturali.

Se l’isola pedonale allo stato attuale presenta limiti e difficoltà in quanto ancora progetto incompleto, noi del Comitato m’Importa crediamo sia doveroso da parte di una qualsiasi amministrazione utilizzare tempo, energie e soldi dei cittadini per risolvere al meglio tali limiti e difficoltà ed apportare le dovute migliorie. Riaprire la via al traffico, seppur per periodi brevi, non è una soluzione ai problemi, anzi sfida ogni logica, è tornare al passato credendo che qualche parcheggio, un po’ di smog, ed un via vai di auto possa portare una prosperità che, in realtà, Via Cascione non vive da parecchio tempo, ben prima della pedonalizzazione. Anzi, sarà la pedonalizzazione stessa ed il suo inserimento in un circuito pedonale a far rinascere la via.

Crediamo che ogni amministrazione abbia l’onore e la responsabilità di portare avanti una visione a lungo termine di città che includa scelte sempre mirate ad un’alta qualità di vita dei cittadini. Mantenere Via Cascione pedonale è una di quelle scelte.

Dobbiamo pretendere più cura dell’ambiente da noi stessi e da chi ci circonda

Dobbiamo pretendere più cura dell’ambiente da noi stessi e da chi ci circonda

La difesa dell’ambiente parte dai numeri. Allora proviamo a darne qualcuno per capire com’è andata quest’anno la consueta pulizia della spiaggia.

8 comuni, oltre 370 partecipanti tra cui bambini, stranieri, associazioni, alpini, scout, protezione civile. Tanta gente e come sempre tanto stupore. Sì perché se non partecipi, se ti limiti a leggere i resoconti finali, quasi stenti a crederci. Se invece inizi a raccogliere e a contare… uno, due tre, cento, duecento…allora ti rendi davvero conto del problema, del menefreghismo, della disattenzione, della noncuranza. Più di 9000 mozziconi di sigaretta, quasi 7000 frammenti di plastica, più di mille pezzi di polistirolo. E poi bottiglie e tappi di plastica (1197), bottiglie e frammenti di vetro (1500), confezioni alimentari come cannucce o carta delle merendine (1542) e poi ancora lattine (377), vestiti e scarpe (157), copertoni di macchine e camion (42) e ancora, ancora, ancora.

Se è vero che non si può essere infelici davanti al mare, è altrettanto vero che lo si può diventare davanti all’ignoranza umana. L’evento di pulizia delle spiagge non deve rimanere una manifestazione estemporanea; deve essere un impegno quotidiano che ognuno di noi si deve assumere. Dobbiamo avere più cura dell’ambiente e pretenderla dai nostri amici, dai vicini di casa, dai nostri politici e amministratori – indipendentemente dal colore politico.

Il Comitato m’IMporta e ASD MY ringraziano di cuore tutti coloro che hanno donato il loro tempo libero ed hanno lavorato duro per la realizzazione di questa giornata.

Ringraziamo il comune di San Bartolomeo, Diano Marina, San Lorenzo al Mare, Santo Stefano al Mare, Costarainera, Riva Ligure, Taggia, l’ufficio Ambiente del Comune di Imperia, l’assessorato alla Cultura, la Teknoservice.

Un caldo ringraziamento va a tutti gli scout, le scuole, gli Alpini, la Protezione Civile e le associazioni che si sono attivamente impegnati e messi a disposizione in tutto il territorio da San Bartolomeo al Mare a Arma di Taggia.

Ecco i dati:

Dati riassunti

partecipanti 376
mozziconi 9187
bottiglie di plastica 445
bottiglie di vetro 319
frammenti di vetro 1176
tappi bottiglie 752
lattine 377

 

Dati integrali

partecipanti 376
mozziconi 9187
pacchetti di sigarette 169
accendini 59
bottiglie plastica 445
confezioni alimentari 1542
frammenti di plastica 6997
tappi di plastica 752
tappi di birra 40
sacchetti di plastica 78
pezzi polistirolo 1098
pezzi di carta 1089
tetrapack 28
reti e nasse 172
bottiglie di vetro 319
pezzi di vetro 1176
lattine 377
batterie 8
pneumatici 42
ingombranti (sedie, ombrelloni, etc) 36
rifiuti igiene personale e sanitaria 151
giocattoli 23
pezzi di metallo 328
rifiuti elettrici (lampadine, pile) 16
filtri depurazione 11
vario (cartucce, petardi, mattoni, palloncini, stoffa) 65
tubi 16
vestiti e scarpe 157
2018: Pulizia delle Spiagge Libere da San Bartolomeo a Taggia

2018: Pulizia delle Spiagge Libere da San Bartolomeo a Taggia

Il Comitato m’IMporta e i Comuni di San Bartolomeo al Mare, Diano Marina, Imperia, San Lorenzo al Mare, Costarainera, Santo Stefano al Mare, Riva Ligure e Taggia sono lieti di estendere l’invito a tutte le scuole, associazioni, cittadini

ABBIAMO BISOGNO DI TE

……SAVE THE DATE………

6 MAGGIO 2018 ore 9.30

#cleancoast2018

Per informazioni mandate un messaggio alla nostra pagina fb o scrivete email a info@mimporta.it

Il ritrovo è previsto alle ore 9:30:
– Imperia: presso la Spiaggia d’ Oro
– Santo Stefano al Mare: Piazza Baden Powell
(Per gli altri comuni a breve pubblicheremo luogo di incontro)

Domenica 6 maggio raccoglieremo insieme tutti i rifiuti abbandonati che verranno differenziati e successivamente raccolti dal servizio di gestione rifiuti.

Partecipa anche tu e invita chi vuoi!

Insieme avremo modo di essere parte attiva nel rendere il nostro territorio più pulito e accogliente.

Insieme avremo modo di capire perché è così importante ridurre il rifiuto, differenziarlo, non gettare i mozziconi di sigaretta ed in generale cambiare le nostre abitudini in modo da tenerci stretto questo bel pianeta che chiamiamo casa.

Ti aspettiamo

Un anno all’insegna di m’IMporta

Un anno all’insegna di m’IMporta

Ciao a tutti!

Eccoci qua, dopo un’attività autunnale di grande soddisfazione nel 2017 che ha visto ben 86 cittadini volonterosi prendersi cura del proprio Parco Urbano, siamo ripartiti con grande entusiasmo nel 2018 che ha visto prendere forma varie attività.

Abbiamo iniziato l’anno con il ritorno del RiparalaB e seguendo un calendario di incontri una volta al mese in diverse sedi – da notare la preziosissima collaborazione con l’associazione FabLab.

Abbiamo poi promosso la presentazione del nuovo progetto di Pista Ciclabile da parte degli Assessori Guido Abbo ed Enrica Fresia a febbraio, la partecipazione di m’IMporta alla tavola rotonda del Progetto Switch questo sabato 14 aprile – ed ora siamo pronti per  la pulizia delle spiagge il 6 maggio.

Avremo sicuramente tante altre idee che esploderanno cammin facendo, tra cui in cantiere un corso di compostaggio.

Se, come noi, siete convinti che un mondo ecosostenibile sia l’unica via e che la forza di ogni individuo possa fare grandi cose, unitevi a noi ed insieme saremo il cambiamento che desideriamo!

A presto

Il Parco Urbano è di tutti noi, prendiamocene cura

Il Parco Urbano è di tutti noi, prendiamocene cura

Collaboriamo su un tema caro a tutti: il benestare del parco urbano ed un suo utilizzo piacevole e sostenibile per tutti!

Il Comitato m’IMporta vuole portare all’attenzione la situazione del parco urbano che purtroppo è ricoperto di immondizia e puntualmente non rispettato dai cittadini.

Sono innumerevoli le quantità e tipologie di rifiuti che si possono trovare ogni giorno (vetro, plastica, mozziconi di sigarette, ecc), ed è un vero peccato per tutti noi e per questo patrimonio della città.

Quindi unitevi a noi per una giornata di pulizia del parco!
Come già fatto per la pulizia spiagge passeremo due ore insieme ripulendo un bene che ci appartiene.

Ti aspettiamo!

RiparalaB: prossimo appuntamento alla ex SALSO ad agosto

RiparalaB: prossimo appuntamento alla ex SALSO ad agosto

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si ripara.

Dopo l’incontro del 14 luglio, ecco nuovamente  il RiparalaB per parlare di recupero e portare gli oggetti che vorreste riparare in modo che trovino nuova vita e non vengano buttati via.

Il prossimo appuntamento è fissato per venerdì 4 agosto dalle 17 alle 20 presso la ex SALSO a Imperia, nell’ambito del progetto Switch che si occupa di riuso di spazi in abbandono e quindi si sposa perfettamente con gli obiettivi del RiparalaB.

Sarà l’occasione per conoscere meglio il progetto e per trascorrere qualche ora con chi vuole proporre qualcosa di innovativo e sostenibile in città.

Il RiparalaB vuole infatti riproporre ad Imperia un’idea nata in Olanda e già diffusa in diverse città d’Europa.

Non si tratta di una comune officina per le riparazioni ma di uno spazio di aggregazione dove tutti i soci possono aiutarsi reciprocamente e condividere utensili e conoscenze relative ai lavori artigianali. Basterà poi affidarsi ad un socio più esperto per ridare vita ad un oggetto che da soli non si è in grado di riparare.

Vorresti imparare a migliorare la tua manualità e a riparare gli oggetti? In questo caso potrai affiancare chi lavora per apprendere qualcosa di nuovo direttamente sul campo oppure frequentare uno dei corsi che verranno organizzati presso il RiparalaB . I corsi specifici riguarderanno il recupero e il riuso oppure le piccole riparazioni.

Contrastare e superare la cultura dello spreco delle risorse e del concetto “usa e getta”, questa occasione non é perciò solo un’evento per riparare oggettistica ed elettrodomestici, ma la natura stessa del suo spirito di apprendimento, collaborativo e comunitaro, contiene già l’antidoto alla nostra moderna mentalità.

Riuso e Riparazione risultano azioni migliori rispetto alle stesse operazioni di riciclo restituendo nuova vita beni oggetti e parte di essi che altrimenti verrebbero smaltiti, sottraendo così importanti quantitativi allo smaltimento. L’idea è di fare le riparazioni insieme. L’obiettivo è il trasferimento dei saperi collegato con la tutela dell’ambiente.

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento e per raccogliere statistiche sul suo utilizzo. Clicca su Accetta per consentire l'uso dei cookie da parte del sito. Leggi l'informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi